Azioni De Longhi: una buona opportunità per i trader?

De Longhi spa è una società italiano la cui produzione si concentra principalmente nella costruzione di elettrodomestici e di impianti come condizionatori e climatizzatori, l’azienda è nata a Treviso nel 1902 ed è ancora oggi una delle aziende che produce i prodotti più apprezzati dai clienti italiani. La società è quotata nella borsa di Milano secondo gli indici FTSE italia mid cap dal 2001.

La storia di De Longhi inizia nel lontano 1902 quando la produzione era concentrata solo ed esclusivamente alla vendita di stufe a legna. La produzione dell’azienda cambia drasticamente quando la De Longhi diventa per la prima volta un brand e inizia a produrre radiatori ad olio.

Ngli anni Ottanta c’è una significativa diversificazione della produzione De Longhi che comincia anche a commercializzare elettrodomestici che avranno un grandissimo successo e diventeranno i prodotti più venduti dalla società. La produzione dei radiatori viene invece passata alla DL radiators.

nel 1994 il gruppo De’Longhi acquisisce Climaveneta e la Simac, andando talvolta a diversificare ulteriormente la produzione cominciando a concentrarsi sulla produzione di climatizzatori. Nel 2001 la De’Longhi assorbe la  kenwood limited e porta ad una crescita del marchio grazie alla vendita di elettrodomestici, inoltre sempre nel 2001 viene quotata in borsa per la prima volta.

Nel 2010 il gruppo De’Longhi acquisisce anche la storica azienda Ariete Spa.

Nel 2012 viene fondata la Delclima, gruppo che riunisce le attività nell’ambito dei climatizzatori e condizionatori, esso verrà poi ceduto ai giapponesi della Mitsubishi, inoltre sempre nel 2012 DeLonghi si specializza nella produzione di macchinette per il caffè e acquisisce la Braun e la Procter&Gamble.

L’anno scorso la società ha ceduto il 55% della NPE ai cinesi di H&T per 7,7 milioni. Se vuoi puoi sapere l’andamento anche di un altra azione recensita sul nostro sito 

L’Europa è ancora la regione principale per il business De’Longhi poiché il suo risultato rappresenta approssimativamente 70% del totale dei ricavi mondiali. L’Europa sud-occidentale sta migliorando il suo peso nel Risultato aggregato europeo rispetto al 2014 e 2015 grazie a due fattori:

  • Crescita della domanda interna italiana
  • Buon risultato dei paesi DACH (Germania, Austria e Svizzera), Spagna e Portogallo.

D’altra parte, l’Europa nordorientale ha subito un declino in paesi come la Russia e il Regno Unito, parzialmente recuperato da altri mercati dell’Europa orientale, con un aumento degli investimenti. I dati mostrano un risultato opposto per le regioni MEIA e APA. Mentre il quarto ha riferito a riduzione del valore aggregato a causa di un consumatore deteriorato sentimento, l’ultimo ha sovra performato i suoi risultati precedenti grazie ai buoni risultati registrati in Stati Uniti, Cina, Hong Kong, Giappone e Corea del Sud.

Collaborazione: come conseguenza della flessibilità ma anche come driver indipendente disviluppo, l’azienda sta cercando di muoversi verso una migliore collaborazione tra uffici all’interno dei confini aziendali e con la rete di fornitori. Gli uffici coinvolti nel processo di pianificazione cercano di migliorare il loro rapporto un modello top-down verso un flusso di informazioni bidirezionale. Questo è anche chiamato Vertical Integration poiché è strettamente focalizzato sugli uffici interni.

cercando di percepire una piena “pianificazione della catena di fornitura collaborativa” in cui fabbrica, pianificazione e previsione dpts. lavorare in stretto contatto al fine di fornire un accurata opinione del cliente. Se vuoi sapere come comprare azioni De Longhi allora entra in questa pagina.

La crescita di LeLonghi è stata confermata dai buoni risultati prodotti dall’azienda grazie all’utilizzo di nuove strategie che hanno supportato la pubblicità dei prodotti e hanno sostenuto economicamente la società con l’inizio del 2017 in cui l’azienda ha chiuso con 390,5 milioni di euro guadagnati, un utile netto di 25,1 milioni e addirittura una crescita di più di 8 punti in borsa. I ricavi di De Longhi sono comunque saliti ulteriormente nella seconda parte del 2017, e l’aumento in borsa è stato di 7,2 punti percentuali. La media complessiva del bilancio di De Longhi per il 2017 è stata in crescita per il 5%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *